Tag: benessere

cromoterapia in ufficio

La cromoterapia per il benessere e la produttività in ufficio

L’utilizzo dei colori – attraverso la disciplina della cromoterapia – è propedeutico per il raggiungimento degli obiettivi di benessere e produttività in ufficio.

Cromoterapia per il benessere e la produttività in ufficio

Infatti, il colore gioca un ruolo fondamentale sul nostro umore.

All’interno di uno spazio lavorativo il colore è uno strumento molto importante perché migliora sia la permanenza nei luoghi di lavoro sostenendo i dipendenti attraverso il miglioramento del benessere psicofisico e il loro rendimento, sia l’immagine dell’azienda.

L’influenza dei colori sul nostro organismo fa parte di una tecnica terapeutica della medicina naturale denominata cromoterapia.

Cromoterapia in ufficio

La cromoterapia – la terapia dei colori – è una medicina alternativa e naturale che utilizza i colori per aiutare a trattare disturbi di diverso tipo.

È una disciplina molto antica, infatti da sempre ai colori sono associate virtù terapeutiche e medicinali.

Solo grazie a Christian Agrapart, medico, neuropsichiatra e agopuntore, la medicina della cromoterapia è arrivata fino a noi nelle modalità che conosciamo oggi.

Dunque, i colori rappresentano le diverse parti del corpo umano e possono avere un’influenza positiva o negativa sul nostro fisico e sulla nostra psiche.

Ecco il motivo per cui cercare di rendere il luogo di lavoro più accogliente, armonico e stimolante ha effetti positivi sul benessere e sulla produttività dei dipendenti e con l’utilizzo dei colori giusti per le pareti, arredi o accessori, l’obiettivo può essere raggiunto!

I colori per il benessere

Cromoterapia in ufficio per il benessere

Ogni area dell’ufficio richiede delle attenzioni e specificità al fine di garantire una permanenza positiva del dipendente all’interno degli spazi di lavoro.

Gli uffici moderni e contemporanei richiedono delle area relax o break dove riposarsi e recuperare le energie.

In questo caso i colori consigliati si riferiscono a toni freddi che hanno il potere di rallentare la pressione sanguigna e la respirazione, favorendo il rilassamento.

Ad esempio, l’azzurro genera un effetto rilassante, un senso di pace e di serenità.

Il verde invece, da sempre associato all’armonia, alla natura e all’equilibrio è il colore del benessere e quindi perfetto per favorire il rilassamento.

I colori per la produttività

È stato dimostrato che l’esposizione diretta a colori caldi – come il rosso e l’arancio – accelera la circolazione sanguigna e aumenta la vitalità.

Cromoterapia in ufficio per la produttività

Il rosso è un colore che stimola l’attività fisica e intellettuale, è euforizzante, migliora la circolazione e la produzione di globuli rossi.

Bisogna però utilizzarlo con parsimonia, così da dare il giusto vigore per essere operativi ma evitando di creare un’atmosfera troppo energica e stressante.
L’arancione, invece, stimola la creatività e diventa quindi il colore più indicato contro la fatica e lo stress.

Associare l’arancione al verde luminoso stimola atteggiamenti amichevoli, proattivi e facilitano il coinvolgimento e la collaborazione tra i dipendenti.
Infine, il giallo – il colore più radioso – agendo sulla parte sinistra del cervello, stimola l’apparato locomotore e la sfera intellettiva favorendo funzioni mentali come l’attenzione e l’apprendimento.

Ecco il motivo per cui è preferibile scegliere un illuminazione con luci calde e tendenti al giallo.

La cromoterapia in ufficio

Ai colori fondamentali della cromoterapia vengono associate delle proprietà specifiche, comportando un vero e proprio effetto a livello mentale ed emozionale dei dipendenti.

E sebbene la scelta del bianco sia comunque quella prevalente, è fondamentale associarlo ad altri colori – più vivaci e stimolanti – perché diversi studi hanno dimostrato che, a lungo andare, il bianco ha il potere di creare insicurezza psicologica e destabilizzare.

tecnologie innovative sistema ufficio

Tecnologie innovative per la salute e il benessere

Negli ultimi anni, il nostro modo di pensare e di agire sulla salute è
profondamente cambiato. Ecco il motivo per cui le tecnologie hanno assunto un ruolo preponderante per il benessere dei lavoratori.

tecnologie digitali sistema ufficio

Siamo diventati più consapevoli sulla prevenzione e promozione della salute e come tali malattie siano strettamente legate ai comportamenti e gli stili di vita che assumiamo.

Allo stesso tempo, è sempre più evidente che le malattie croniche, che ormai costituiscono oltre la metà del global burden of disease a livello mondiale, richiedono un’accortezza capace di rispondere alle esigenze quotidiane di mantenimento del benessere.

Il ruolo degli uffici

In questo contesto, un contributo importante deve venire
anche dal settore privato.

Quest’ultimo, infatti, deve fornire nuove ed efficaci soluzioni a supporto del lavoratore promuovendo la salute e il benessere all’interno degli spazi di lavoro.

A riguardo, bisogna considerare che negli ultimi anni si sono sviluppate molte tecnologie digitali.

Tra queste dobbiamo considerare la sensoristica (fondamentale per rilevare parametri biometrici e comportamentali direttamente dall’individuo, attraverso dispositivi indossabili di varia natura); le piattaforme integrate (che permettono una gestione dei dati e delle informazioni efficiente e sicura, aumentandone anche l’usabilità attraverso interfacce semplici e intuitive); l’intelligenza artificiale (abilitante di nuovi servizi sia nel campo clinico che dell’assistenza alla persona) o la realtà aumentata.

La salute è per tutti

Tecnologie innovative per la salute

Secondo il Rapporto Annuale 2017 dell’ISTAT “in Italia, il 37,3% della popolazione adulta cumula più di un comportamento non salutare, ampliando quindi il rischio di insorgenza di malattie croniche”.
Anche i dati relativi all’invecchiamento della popolazione sono particolarmente accentuati nel contesto italiano.
L’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle malattie croniche si combinano tra loro in un drammatico circolo vizioso che ha conseguenze sul benessere benessere e sulla salute della popolazione italiana.

Al contempo, è cresciuta una maggiore consapevolezza su queste tematiche portando i dipendenti e i lavoratori a richiedere l’azione di misure necessarie per non ammalarsi, vivere felicemente e portare avanti la propria vita lavorativa nel benessere.

A seguito della pandemia, molte aziende stanno adottando programmai basati sull’alternanza tra lavoro in ufficio e lavoro da casa. Questo permetterà di rendere il lavoro più comodo adattandosi ai ritmi delle persone.

luce lavoro benefici

L’importanza della luce nel posto di lavoro

Una buona luce sul posto di lavoro è fondamentale per la sicurezza dei lavoratori e per il benessere di quest’ultimi.

Infatti, una buona illuminazione influenza positivamente o negativamente il rendimento visivo, avendo conseguenze anche sulla produttività dei singoli lavoratori.

Gli ambienti di lavoro devono essere illuminati da una sufficiente luce naturale o artificiale che garantisca un’adeguata visibilità. Inoltre, è opportuno sottolineare che la legislazione italiana regola la disciplina dell’illuminazione degli ambienti di lavoro – sia con luce naturale che artificiale.

I luoghi di lavoro devono disporre di sufficiente luce naturale.

In ogni caso, tutti i predetti locali e luoghi di lavoro devono essere dotati di dispositivi che consentano un’illuminazione artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere di lavoratori.

Allegato IV (Requisiti dei luoghi di lavoro) del D.Lgs. 81/2008

Come andrebbe disposta la luce in ufficio?

Sicuramente, uno dei primi aspetti da considerare nella fase di progettazione dell’illuminazione è calcolare correttamente la quantità di luce necessaria nella cosiddetta “task area”, o zona di compito visivo.

Bisogna, poi, opportunatamente illuminare l’area circostante e quella nell’area di sfondo.

Vanno evitati l’abbagliamento e la scarsa luminosità. Nel primo caso lo spazio di lavoro risulta essere illuminato con troppa luce, provocando problemi come difficoltà di visione e, a lungo periodo, malessere e mal di testa.

Nel caso contrario, quando non c’è la quantità di luce necessaria o non disposta correttamente, questo può causare seri problemi alla vista.

Le diverse aree da illuminare

luce ufficio

Si possono identificare almeno quattro diverse aree di lavoro che richiedono accortezze e illuminazioni differenti:

Area del computer

Rappresenta la zona in cui viene svolta la maggior parte parte del lavoro e richiede un’illuminazione dedicata e confortevole. L’ideale sarebbe posizionare una lampada da tavolo in prossimità dello schermo, così da giovare positivamente al dipendente e garantire una visibilità maggiore

La scrivania

Non è essenziale che abbia un’illuminazione dedicata, ma è d’aiuto che tutti gli oggetti siano visibili e chiari agli occhi del lavoratore.

Dunque, se l’illuminazione naturale non è sufficiente, bisognerebbe scegliere lampade che illuminino lo spazio circostante

Gli ambienti

Sia attraverso luce naturale che artificiale, gli spazi lavorativi dovrebbero essere illuminati omogeneamente. Inoltre, la luce non dovrebbe mai essere troppo forte oppure creare abbagliamento o fastidiosi riflessi.

I corridoi

Non essendo propriamente zone rilevanti per il lavoro, non richiedono illuminazioni particolari. Consigliamo di posizionare nei corridoi dei sensori di movimento che permettano di accendere la luce solo al passaggio delle persone, garantendo in tal modo un notevole risparmio energetico.

I benefici di una corretta illuminazione

luce ufficio sistema ufficio

Molto spesso viene tralasciato il fatto che un’illuminazione corretta comporta molteplici benefici al benessere psico-fisico e biologico dei dipendenti.

La luce, infatti, ha un effetto stimolante, garantisce una qualità del sonno migliore e una maggiore produttività.

Uno degli aspetti più importanti della luce è quanto questa influisce sulla nostra produttività.

Alla domanda sull’effetto della luce diurna sulla produttività, il 63% degli intervistati di YouGov ha affermato che la luce naturale ha un effettivo impatto sul proprio lavoro.

Chi lavora in ambienti ben illuminati dal sole è molto più produttivo.

In conclusione, una corretta illuminazione è uno dei principali fattori che influiscono sul comfort e sul benessere delle persone.

Le giuste condizioni di luce sono, infatti, fondamentali per garantire una permanenza confortevole, soprattutto in un contesto lavorativo.

Contattaci e prenota la tua consulenza