Acea - Waidy Point

WAIDY POINT SPORTELLO MOBILE DIGITALE

Sistema Ufficio per Acea. Dopo quello di piazzale Ostiense, altri quattro “Waidy Point” saranno installati nel giro di breve tempo nei comuni di Tivoli e Frascati – dove gli sportelli fisici tradizionali sono chiusi dall’inizio dell’emergenza sanitaria, nel rispetto delle norme per il contenimento del contagio – e successivamente negli altri Comuni della Città metropolitana di Roma.

Kata Arper soluzione

KATA: il prodotto del mese

Questo mese vogliamo presentarvi l’ultima novità di Arper: un prodotto informale, ma al tempo stesso sofisticato.

Sedia Kata design

Abbiamo pensato a Kata, una sedia lounge, realizzata nel 2021 da Altherr Désile Park per introdurre un’idea di design del tutto innovativa.

Kata si ispira ai principi di sostenibilità, infatti rispetta le linee dell’economia circolare in ogni fase della filiera produttiva. Inoltre, questa sedia in legno massello, evoca la tradizione reinterpretandola in una soluzione contemporanea e sostenibile.

Il calore, la purezza grafica, le forme delicate e il profilo minimale lo rendono un oggetto di design d’interni delicato e adatto a qualsiasi ambiente.

Sostenibilità e attenzione all’ambiente

Il tema della sostenibilità rappresenta un elemento fondamentale del design stesso di Kata. Infatti, Arper ha scelto l’innovativa tecnologia di tessitura 3D per la realizzazione di questa sedia.

Partendo dalla consapevolezza che per produrre un chilo di filato viene utilizzato circa un chilo di rifiuti — l’equivalente di 48 bottiglie da mezzo litro, l’attenzione all’ambiente ha assunto un ruolo principale in ogni fase della produzione: dalla selezione dei filati in fibra di plastica riciclata agli approvvigionamenti di materiali.

La stessa tecnologia di tessitura e le soluzioni strategiche di spedizione e trasporto hanno avuto come conseguenza una riduzione degli scarti rispetto ai processi di tappezzeria tradizionale. Il risultato è stato un connubio tra artigianato tradizionale e processi moderni a ridotto impatto ambientale.

Il materiale scelto è una fibra di poliestere resistente e durevole ricavata dalle bottiglie di plastica riciclate. Questo aspetto richiede un utilizzo minore dell’energia durante la fase di produzione. fino al 75% in meno di emissioni di CO2 rispetto al poliestere vergine.

Legno di produzione Europea certificata FSC

Kata design Arper

Kata è in legno massello proveniente da produzione certificata FSC. Questo significa lunga durabilità e longevità del prodotto.

Questo tipo di legno è intrinsecamente più sostenibile rispetto a
materiali come alluminio o acciaio, ma va scelto attentamente.

Per la versione indoor è possibile scegliere tra legno in rovere massello tinto nero o legno in rovere verniciati all’acqua. Invece, per la versione outdoor è stata utilizzata la robinia, alternativa sostenibile ai legni tropicali. Questo tipo di legno possiede ottime proprietà di resistenza agli agenti atmosferici ed è di provenienza europea.

Un altro aspetto da considerare è che il legno certificato FSC è rifinito con una vernice a base d’acqua.

Pattern e colori

Kata design Arper 
Sistema Ufficio

Kata è disponibile in diversi colori e differenti trame per il filato. La prima è una texture ricca ed espressiva, che ricorda i sedili impagliati delle sedie in legno, tipiche della tradizione di molti Paesi europei.

Per questa variazione sono stati scelti colori naturali: lino, grano e carbone,
La seconda texture è, invece, più delicata e sobria.
Questo pattern è più sottile ed è disponibile in tre colori: acqua, grano e
carbone.

Inoltre, questa versione è possibile utilizzarla sia sia indoor sia outdoor.

luce lavoro benefici

L’importanza della luce nel posto di lavoro

Una buona luce sul posto di lavoro è fondamentale per la sicurezza dei lavoratori e per il benessere di quest’ultimi.

Infatti, una buona illuminazione influenza positivamente o negativamente il rendimento visivo, avendo conseguenze anche sulla produttività dei singoli lavoratori.

Gli ambienti di lavoro devono essere illuminati da una sufficiente luce naturale o artificiale che garantisca un’adeguata visibilità. Inoltre, è opportuno sottolineare che la legislazione italiana regola la disciplina dell’illuminazione degli ambienti di lavoro – sia con luce naturale che artificiale.

I luoghi di lavoro devono disporre di sufficiente luce naturale.

In ogni caso, tutti i predetti locali e luoghi di lavoro devono essere dotati di dispositivi che consentano un’illuminazione artificiale adeguata per salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere di lavoratori.

Allegato IV (Requisiti dei luoghi di lavoro) del D.Lgs. 81/2008

Come andrebbe disposta la luce in ufficio?

Sicuramente, uno dei primi aspetti da considerare nella fase di progettazione dell’illuminazione è calcolare correttamente la quantità di luce necessaria nella cosiddetta “task area”, o zona di compito visivo.

Bisogna, poi, opportunatamente illuminare l’area circostante e quella nell’area di sfondo.

Vanno evitati l’abbagliamento e la scarsa luminosità. Nel primo caso lo spazio di lavoro risulta essere illuminato con troppa luce, provocando problemi come difficoltà di visione e, a lungo periodo, malessere e mal di testa.

Nel caso contrario, quando non c’è la quantità di luce necessaria o non disposta correttamente, questo può causare seri problemi alla vista.

Le diverse aree da illuminare

luce ufficio

Si possono identificare almeno quattro diverse aree di lavoro che richiedono accortezze e illuminazioni differenti:

Area del computer

Rappresenta la zona in cui viene svolta la maggior parte parte del lavoro e richiede un’illuminazione dedicata e confortevole. L’ideale sarebbe posizionare una lampada da tavolo in prossimità dello schermo, così da giovare positivamente al dipendente e garantire una visibilità maggiore

La scrivania

Non è essenziale che abbia un’illuminazione dedicata, ma è d’aiuto che tutti gli oggetti siano visibili e chiari agli occhi del lavoratore.

Dunque, se l’illuminazione naturale non è sufficiente, bisognerebbe scegliere lampade che illuminino lo spazio circostante

Gli ambienti

Sia attraverso luce naturale che artificiale, gli spazi lavorativi dovrebbero essere illuminati omogeneamente. Inoltre, la luce non dovrebbe mai essere troppo forte oppure creare abbagliamento o fastidiosi riflessi.

I corridoi

Non essendo propriamente zone rilevanti per il lavoro, non richiedono illuminazioni particolari. Consigliamo di posizionare nei corridoi dei sensori di movimento che permettano di accendere la luce solo al passaggio delle persone, garantendo in tal modo un notevole risparmio energetico.

I benefici di una corretta illuminazione

luce ufficio sistema ufficio

Molto spesso viene tralasciato il fatto che un’illuminazione corretta comporta molteplici benefici al benessere psico-fisico e biologico dei dipendenti.

La luce, infatti, ha un effetto stimolante, garantisce una qualità del sonno migliore e una maggiore produttività.

Uno degli aspetti più importanti della luce è quanto questa influisce sulla nostra produttività.

Alla domanda sull’effetto della luce diurna sulla produttività, il 63% degli intervistati di YouGov ha affermato che la luce naturale ha un effettivo impatto sul proprio lavoro.

Chi lavora in ambienti ben illuminati dal sole è molto più produttivo.

In conclusione, una corretta illuminazione è uno dei principali fattori che influiscono sul comfort e sul benessere delle persone.

Le giuste condizioni di luce sono, infatti, fondamentali per garantire una permanenza confortevole, soprattutto in un contesto lavorativo.

MONITOR DB2 ARTHUR HOLM soluzioni

MONITOR DB2 ARTHUR HOLM: il prodotto del mese

La sala riunioni è lo spazio di rappresentanza che contribuisce a definire la prima immagine dell’azienda.

Abbiamo scelto i monitor di Arthur Holm perché la semplicità dell’installazione e d’integrazione in spazi già esistenti, permette di rendere più funzionali questi ambienti.

Le sale riunioni, infatti, devono poter cambiare il proprio aspetto, in qualsiasi momento. Devono adattarsi alle contingenze esterne, come incontri aziendali, congressi e conferenze, ma anche per ospitare eventuali clienti e fornitori.

Devono essere aree aperte, accessibili, sostenibili e versatili affinché promuovano interazione, concentrazione e creatività.

ARTHUR HOLM ha creato una vasta gamma di prodotti a scomparsa o ad incasso nei tavoli da lavoro, da appendere al muro o da integrare nella parete, o semplicemente tesi a dare un accogliente benvenuto ai visitatori e partecipanti di una riunione diventando parte integrante della decorazione degli interni.

Monitor a scomparsa

monitor Arthur Holm
Monitor Arthur Holm
Monitor sala riunioni

Per questo mese abbiamo scelto la nuova gamma di monitor a scomparsa di Arthur Holm – DB2.

Questi sono pensati per integrarsi al design design del mobile senza stravolgerlo.

I monitor sono facili da integrare, intuitivi da usare e quasi invisibili quando non sono in funzione.

I monitor sono molto eleganti e si integrano discretamente ai tavoli delle sale riunioni, scomparendo all’interno della scrivania con un’armonica guida silenziosa.

Il design e la funzionalità sono stati combinati intelligentemente per creare questa gamma di monitor avanzata e unica.

Design minimalista

I monitor si alzano e si inclinano con movimenti silenzioni ed egelanti, scivolando giù nel tavolo fino a 20cm di profondità.

La gamma è stata progettata in alluminio anodizzato, fornendo una finitura morbida e setosa. un aspetto minimalista e contemporaneo.

I materiali sono durevoli ed estremamente resistenti. Il vetro antiriflesso doppio anteriore protegge lo schermo, riduce l’effetto “specchio”, aumenta il contrasto e consente la riproduzione dei colori in modo naturalmente trasparente.

Caratteristiche funzionali

I monitor DB2 sono alimentati da un controller video a basso consumo energetico e dispongono di un nuovo lettore di impostazione interattiva (ISD) 2.2 “LCD facile da leggere.

Il protocollo di comunicazione utilizzato è AHnet (RS-422) ed include il controllo remoto della luminosità, del contrasto e della retroilluminazione del monitor.

Quando i monitor sono connessi all’interfaccia ERT – la funzionalità “assisted addressing system” – permettono di configurare l’indirizzo univoco del dispositivo con la semplice pressione di un pulsante.

Includono, inoltre, la funzionalità di Autocheck per l’autodiagnostica e il ripristino di tutti i valori di fabbrica per quanto riguarda i sistemi di protezione e di regolazione della velocità. Un connettore USB integrato permette di aggiornare il firmware con facilità.

Questi monitor sono disponibile sia in versione da 10” che 21,5”, entrambi con risoluzione FullHD nativa e 2 ingressi DVI compatibili con lo standard HDCP.

E’ disponibile anche il monitor in 23,8” con risoluzione 4K.

green office sistema ufficio

Green office: la natura in ufficio

Da sempre noi di Sistema Ufficio siamo molto sensibili al tema della sostenibilità e del rispetto ambientale.

L’attenzione alla creazione di spazi Green ci ha permesso di creare il brand Sistema Green che si occupa di progettazione e realizzazione di Giardini Verticali e MossWall®.

Siamo sostenitori delle capacità delle piante di purificare l’aria.

Infatti, le piante non sono solo in grado di assorbire anidride carbonica e di rilasciare ossigeno attraverso la fotosintesi clorofilliana, ma molte di esse riescono a neutralizzare sostanze organiche volatili (VOC) grazie ai cosiddetti enzimi definiti metilotrofi.

Inoltre, adottare un design green arricchisce l’ambiente interno e dona luminosità agli spazi del tuo lavoro.

Profilo green

Green Office

Green Office

Affinché le piante si inseriscano perfettamente nell’ambiente dei Green Office, è fondamentale analizzare gli spazi interni e la qualità della luce presente con particolare attenzione al clima in cui cresceranno le essenze.

In questo modo il sistema naturale delle piante verrà perfettamente rispettato, garantendo la loro floridità e prosperosità.

Sulla base dei vostri desideri e delle vostre richieste, selezioniamo le piante rispettando l’ambiente in cui cresceranno.

Ogni composizione viene inserita all’interno del progetto nel rispetto del disegno dei nostri garden designer.

I giardini verticali indoor

giardini verticali interni sono la soluzione perfetta per arredare con stile gli ambienti indoor dei tuoi uffici.

Noi di Sistema Green ci proponiamo di realizzare la composizione migliore per dare identità e rilevanza agli spazi del tuo ufficio.

Utilizziamo sistemi innovativi e ricorriamo a strutture di montanti, pannellature rigide e tessuto tecnico per radicare i giardini su qualsiasi tipo di facciata.

I nostri garden designer creano un sistema di fertirrigazione a goccia, regolato e gestito da una centralina programmabile a seconda delle esigenze delle specie che permette di far sopravvivere le piante anche in spazi ridotti e con poca terra.

I benefici

Grazie all’elevato impatto scenografico, un giardino verticale interno risulta essere una scelta vincente dal punto di vista estetico e architettonico, in quanto permette di decorare in un modo originale e molto piacevole angoli e pareti del vostro Green Office.

Inoltre, l’introduzione di un giardino verticale porta numerosi benefici non solo in termini estetici.

Infatti, garantisce un risparmio energetico sia degli ambienti interni che esterni; funziona da barriera del suono; migliora l’aspetto estetico dell’edificio stesso e si adatta a soluzioni di layout differenti.

Sono, al tempo stesso, la soluzione perfetta per chi vuole creare degli spazi naturali e purificare l’aria assorbendo l’anidride carbonica e rilasciando ossigeno.

Inoltre, proteggono da benzene, formaldeide e altri solventi presenti negli spazi negli spazi indoor e riducono gli effetti dei campi magnetici generati dai device elettronici.

Un giardino verticale interno è versatile e facile da creare. Può essere realizzato per dividere due ambienti o per creare un ingresso unico e dal forte impatto o anche solo per decorare un corridoio.

I giardini verticali interni sono inoltre fono-assorbenti: offrono protezione dall’inquinamento acustico e sono molto utili negli open space in cui si producono molti rumori.

Mantengono un livello di umidità interna stabile che è propedeutico per il nostro benessere – fisico e mentale dei dipendenti.

poltrona frau sistema ufficio

Nuova partnership con Poltrona Frau

Siamo orgogliosi di annunciare la nuova partnership esclusiva con una delle aziende più importanti nel panorama italiano e mondiale come Poltrona Frau.

partnership poltrona frau

L’azienda è stata fondata da Renzo Frau nel 1912.

Nel 1926 è diventata fornitore ufficiale della famiglia reale italiana: la dinastia dei Savoia. Da allora, Poltrona Frau ha arredato alcuni degli edifici più conosciuti, hotel, gli interni dell’Expo di Torino nel 1928 e il sontuoso transatlantico Rex, orgoglio della Marina italiana.

Nel 2021 noi di Sistema Ufficio siamo orgogliosi di comunicare la nuova Partnership con Poltrona Frau.

La qualità al primo posto

La pelle scelta – ricca di esperienze, di storia, abilità professionali e ispirazione – è un esempio di alta qualità e ricerca rivolta alla perfezione.

Poltrona Frau ha un background culturale che emerge nel panorama italiano e mondiale dell’industria manifatturiera e creativa.

Infatti opera nel settore dell’arredamento di alta gamma esportando  in tutto il mondo la sua tradizione di eccellenza artigianale all’interno di una moderna visione industriale.

Questa competenza – così unica e rara – ha permesso all’azienda di registrare il neologismo Leatership®.

La parola racchiude in sé la volontà di sottolineare tutte le potenzialità e la storia dei pellami firmati Poltrone Frau.

Lusso ed eccellenza

Poltrona Frau è stata la prima azienda italiana ad utilizzare la pelle come materia di progetto e non solo come elemento di rivestimento delle sedute.

I pellami vengono selezionati in modo rigoroso, mettendoli al centro di una costante Ricerca per garantire ogni volta lo sviluppo e la sperimentazione della migliore qualità.

A questo proposito, il centro di Ricerca e Sviluppo ha pensato a prodotti per preservare l’eccellenza dei materiali nel tempo e conservare inalterate le qualità dei materiali.

Design d’ufficio

partnership poltrona frau sistema ufficio

Per noi “arredamento d’ufficio” è un concetto rivolto alla creatività e ricerca dei dettagli per offrire il miglior ventaglio di servizi.

Il concept del progetto viene plasmato sulla base delle esigenze del cliente, così da progettare ed organizzare lo spazio nel modo migliore possibile.

Le nostre proposte hanno l’obiettivo di creare un design armonico, progettato con soluzioni di arredo, decorazioni e accostamenti cromatici stimolanti a livello produttivo e creativo.

La partnership con Poltrona Frau ha, dunque, l’ambizione di coniugare la praticità e l’ergonomia con un’idea di bellezza e accoglienza di altissima qualità e lusso.

MASTERMIND HIGH DESK Soluzione

MASTERMIND HIGH DESK: il prodotto del mese

Questo mese vogliamo proporvi i tavoli Mastermind High Desk della linea Sedus in grado di rendere le vostre postazioni di lavoro moderne e volte alla collaborazione tra dipendenti.

A seconda dell’utilizzo desiderato, il sistema può essere equipaggiato mirando a un duplice obiettivo: il benessere e la produttività dei collaboratori.

Gli accessori ben congegnati, inoltre, consentono di organizzare al meglio la postazione di lavoro, agevolando lo svolgimento di attività da parte di nuovi utenti.

Infatti, le riunioni in piedi o su sgabelli alti sono più stimolanti e spesso si svolgono in tempi più rapidi. Contemporaneamente, si favorisce il cambio spontaneo di postura che si riflette positivamente sulla salute.

Mastermind high desk: design essenziale e moderno

Il design essenziale che soddisfa anche le esigenze di versatilità e funzionalità è stato realizzato da Markus Dörner.

Questa collezione è stata pensata per il lavoro temporaneo, per arredare luoghi di scambio o come punti d’incontro per una pausa.

In ogni caso l’obiettivo è favorire la collaborazione fra colleghi e al contempo l’efficienza lavorativa.

Infatti, le riunioni in piedi o su sgabelli alti sono più stimolanti, poiché agevolano la produttività e lo scambio spontaneo di postura che si ripercuotre positivamente sulla salute e sulla creatività.

Mastermind High Desk

Mastermind High Desk pali

Mastermind High Desk

Mastermind High Desk presa

I bordi lineari e armonici sono accuratamente lavorati a mano e richiedono fino a nove fasi di lavorazione per la resa finale.

Le gambe sottili e affusolate offrono una resa estetica gradevole e discreta e possono essere realizzate in legno di rovere o faggio oppure in robusto tubolare in acciaio con verniciatura a polvere in bianco, alluminio chiaro o cromate. Il MHD presenta una barra poggiapiedi in tubolare d’acciaio cromato e gli elementi di giunzione angolari in alluminio sabbiato.

Prevede anche la possibilità opzionale di aggiungere l’elettrificazione senza cavi da nascondere sotto il piano del tavolo e riposizionabile.

Il design di Mastermind High Desk punta all’eccellenza, la cui qualità è evidenziata anche dai materiali e dalle superfici di pregio che lo contraddistinguono.

I benefici dell’High Desking

Portare avanti uno stile di vita sedentario provoca gravi scompensi all’organismo.

I più comuni sono:

  • Una postura sbagliata
  • Dolori articolari che partono dalla cervicale sino alle caviglie
  • Frequenti mal di testa che possono sfociare nell’emicrania
  • Problemi alla vista
  • Difficoltà nel rimanere focalizzati sulle mansioni per lungo tempo
  • Sensazioni di stanchezza perenne
  • Stress
  • Problemi nel prendere sonno

Al contrario, lavorare in postazioni di lavoro che danno la possibilità di produrre sia in piedi che da seduti è fondamentale per incrementare la felicità, la produttività e la creatività dei tuoi dipendenti.

I tavoli di Mastermind High Desk sono alti 1050 mm e sono comodi per
le attività in piedi e assicurano anche una seduta confortevole grazie alla barra poggiapiedi.

Mastermind High Desk

Inoltre, la possibilità di lavorare dinamicamente favorisce gli scambi durante le pause, la collaborazione tra colleghi e, conseguentemente, l’efficienza lavorativa.
Infatti, lavorare in piedi o su sgabelli alti è più stimolante e favorisce
il cambio spontaneo di postura che si ripercuote positivamente sulla salute.

Smart office Sistema ufficio

Smart office: come ripensare agli spazi di lavoro

Quando si parla di “Smart Office” si intende uno spazio di lavoro multifunzionale, interattivo, agile, super tecnologico e sostenibile.

La Trasformazione Digitale ha toccato qualsiasi aspetto della nostra vita. La tecnologia, infatti, ha cambiato il nostro modo di relazionarci con il tempo e con gli spazi.

Gli ambienti in cui viviamo sono sempre più intelligenti, ricchi di software e strumenti IoT che consentono nuove forme di interazione, di gestione dello spazio e delle persone.

L’ufficio non è più un luogo statico, ma diventa intelligente fondendo il mondo fisico a quello digitale.

Lo Smart Office ha trasformato il classico workplace

Siamo abituati a pensare agli spazi di lavoro come luoghi fisici dove ognuno ha la propria scrivania e la propria postazione.

Quando parliamo di Ufficio Smart, al contrario, dobbiamo immaginare una continua collaborazione tra spazio fisico e digitale, dove le nuove tecnologie supportano la collaborazione tra lavoratori e vengono incontro alle esigenze richieste dallo Smart Working.

Questi nuovi spazi aiutano le persone a lavorare in una dimensione fisica e digitale insieme, che si concretizza nello Smart Office.

La pandemia ha rappresentato una forte spinta verso lo sviluppo di Digital workplace. Così come la società è cambiata, allo stesso modo anche le aziende dovrebbero ripensare alla (ri)progettazione degli spazi di lavoro per applicare efficacemente i benefici e le potenzialità dello Smart Office.

Le caratteristiche di uno Smart Office

I nuovi “uffici intelligenti” prevedono la condivisione degli spazi per favorire la collaborazione tra le persone e il loro benessere. Questo favorisce il continuo scambio di idee e permette una produttività e creatività maggiori.

Lo Human-Centered Design, ovvero l’approccio progettuale che pone al centro la persona, è oggi di fondamentale importanza quando si studia il layout ideale di uno spazio ufficio.

Inoltre bisogna ripensare agli spazi in un’ottica di condivisione e scambio reciproco di idee., dove il contatto con il mondo esterno assume una rilevanza particolare.

Produttività e relazionalità

Smart Office produttività

Il mondo del lavoro vede la collaborazione tra più generazioni: Boomers, Generazione X e Generazione Z.

Ognuno di loro si relaziona al mondo del lavoro in modo completamente differente. Questo implica che le aziende devono trovare soluzioni adeguate per favorire la collaborazione.

Gli Smart Office prevedono zone open-space in grado di accogliere un elevato numero di lavoratori e porli nella condizione di svolgere le proprie attività in maniera ottimale.

Inoltre, l’alternanza di spazi di co-working e postazioni di lavoro fisse, permette di eliminare il concetto di scrivania “assegnata”, sfruttando al 100% la superficie dell’ufficio. 

Flessibilità e adattabilità

Il rapido cambiamento della società comporta conseguentemente che le aziende scelgano soluzioni flessibili e dinamiche.

Infatti, un luogo di lavoro dinamico e funzionale, dove l’innovazione permette di rispondere in tempo reale alle esigenze del lavoratore, genera un benessere psicofisico non trascurabile

Per questo noi di Sistema Ufficio ci affidiamo alle soluzioni più pratiche per garantire comunicazione tra i differenti spazi di lavoro.

Intelligenza artificiale

Gli smart office richiedono “smart object” per poter esternare a pieno la propria potenzialità.

Stiamo parlando di “oggetti dotati di intelligenza, che si adattano automaticamente alle esigenze e che fanno parte delle nostre routine. Conoscono le nostre preferenze, i nostri volti, cosa diciamo e dove andiamo”, ha affermato Antonio Grillo, Service Design and User Experience Director in Tangity, design studio di NTTData.

Gli smart object, integrati a uffici smart ed intelligenti rendono lo spazio di lavoro più dinamico, in grado di empatizzare con le esigenze dei singoli lavoratori.

Questa è la sfida per chi oggi deve pensare al futuro dell’ufficio: capire come utilizzare la tecnologia per rendere l’esperienza di lavoro memorabile e orientata al benessere dei lavoratori.

ply arper sistema ufficio

PLY: il prodotto del mese

I prodotti Arper si caratterizzano per un design semplice ed essenziale, con forme pulite e originali. Sono adatti ad essere inseriti in ogni ambiente e contesto.

ply arper immagine

La linea Ply, in particolare, disegnata da Lievore Altherr Molina, è un sistema di tavolini e sgabelli modulari che combina il calore del legno a una forma fluida, dinamica e con un profilo minimale.

Ply richiama il gioco del Tangram, dove forme e colori si uniscono in composizioni sempre mutevoli, associando a piacimento dimensioni e colori. Il materiale utilizzato è legno multistrato curvato.

Il tavolino

Ply — H 44. Arredamento di design Arper

I tavolini sono disponibili in diverse dimensioni e altezze (36 cm e 44 cm) e nelle finiture rovere naturale, nero e rosso. Vengono forniti anche i piedini con inserto in feltro per pavimenti in legno.

A seconda della tua scelta (36 cm o 44 cm), ti consigliamo di posizionarli nel tuo soggiorno o nell’area lounge per arricchire lo spazio con un vero prodotto di design.

Lo sgabello

E’ disponibile sia con struttura a tre gambe realizzata in legno multistrato curvato e poggiapiedi in acciaio cromato che senza.

Tutti e tre i modelli vengono  forniti di piedini con inserto in feltro per pavimenti in legno.

Gli sgabelli sono realizzati nelle altezze di 44, 64 e 76 cm, nei colori rovere naturale e nero.

In questo caso vi consigliamo di posizionarli in ambienti domestici o contract, nello specifico nelle nell’aree break o nella vostra sala da pranzo

Uffici post coronavirus

Come cambieranno gli uffici nell’era post Coronavirus

Tra i tanti cambiamenti che la pandemia ha introdotto nelle nostre vite, bisogna sicuramente prendere in considerazione l’impatto sul mondo del lavoro e sulla sua organizzazione. 

Sebbene la situazione di emergenza terminerà in un futuro prossimo, molte aziende stanno già pensando a come riadattare gli spazi di lavoro.

L’uscita dall’emergenza sanitaria permetterà di tornare a lavoro, ma con un riguardo per rendere gli ambienti di lavoro sicuri e aderenti ai protocolli anti contagio.

Come cambieranno, allora, gli uffici dopo il Coronavirus?

Secondo gli esperti intervistati dalla BBC, nell’immediato non ci saranno troppi stravolgimenti.

Quello che è certo è che le abitudini condivise durante questo periodo per mantenere le distanze di sicurezza continueranno. Non ci saranno più sale riunioni affollate o assembramenti.

NUOVE MODALITA’ LAVORATIVE A DISTANZA

Durante il lockdown, la maggior parte degli uffici è stata costretta a sperimentare il lavoro in smart-working. E queste modalità continueranno anche una volta terminata la pandemia.

Gli uffici post coronavirus non avranno più l’aspetto a cui siamo stati abituati fino ad oggi.

Bisognerà rivedere l’architettura degli open space e delle aree di coworking per garantire la privacy e il rispetto delle norme anti Coronavirus

Gli open space dovranno essere riprogettati e riconfigurati con soluzioni modulabili per adattare gli ambienti in base alle persone presenti e alle normative in vigore.

Anche l’ arredo ufficio verrà ripensato per garantire sicurezza e una maggiore privacy.

Il lavoro a distanza comporterà per le aziende meno postazioni e meno spazi necessari da affittare e, conseguentemente, meno consumi.

Si svilupperà sempre di più un nuovo “ufficio diffuso”, ovvero una rete per permettere un costante dialogo tra chi lavora in sede e chi invece da remoto.

Le aziende dovranno riorganizzare le sale riunioni e le aree comuni per per assicurare il distanziamento sociale e permettere la cooperazione tra i vari dipendenti presenti e non.

TRASFORMAZIONE DIGITALE

I nuovi uffici avranno una maggiore presenza di strumenti tecnologici per garantire migliori prestazioni lavorative e una comunicazione più efficiente con i dipendenti rimasti a casa.

Si prevede anche la diffusione di più tecnologie contactless e assistenti vocali.

Inoltre, l’organizzazione a turni, con alcuni lavoratori da remoto e altri in ufficio, necessiterà di piattaforme Intranet dedicate.

ADEGUAMENTO DEGLI AMBIENTI LAVORATIVI

uffici coronavirus

Il Decreto Rilancio riconosce un credito d’imposta pari al 60 per cento per sostenere e incentivare l’adozione di misure legate alla necessità di adeguare i processi produttivi e gli ambienti di lavoro per le spese che sono state sostenute nel 2020, per un massimo di 80.000 euro.

Al rientro negli uffici si pensa a nuove app o sensori per monitorare lo stato di salute e il rispetto del distanziamento e i flussi.

Con l’arrivo dell’estate, non sarà scontato l’utilizzo dell’aria condizionata.

La Società italiana di medicina ambientale ha dettato alcune regole a riguardo: pulire i filtri, igienizzare le parti esposte, sanificare i motori esterni e puntare gli “split” non direttamente verso le persone, ma preferibilmente verso l’alto.

Durante il primo periodo di rientro in ufficio bisognerà indossare la mascherina nei luoghi comuni, come nei corridoi, e soprattutto durante le pause.

Anche per quanto riguardo l’utilizzo degli ascensori, sarà garantito il rispetto del distanziamento sociale e il numero massimo di persone consentite.

Alcune aziende si sono già organizzate per scaglionare gli ingressi, prevendendo l’inizio della giornata lavorativa a distanza di 10 o 15 minuti.

L’utilizzo dei disinfettanti all’ingresso sarà obbligatorio negli uffici e, molto probabilmente, sarà una delle ultime abitudini che perderemo una volta superato il Coronavirus.

Contattaci e prenota la tua consulenza