Category: Attualità

design interni sostenibilità e impatto ambientale

Sostenibilità nel design d’interni

Nell’ultimo periodo è aumentata molto la sensibilità nei confronti della sostenibilità e se ne discute molto in relazione al design degli interni per migliorare il benessere delle persone.

Per questo motivo gli esperti di design, durante la fase di progettazione e realizzazione dei loro lavori, dovrebbero riuscire a garantire il minor impatto ambientale.

Come rendere sostenibile un design d’interni?

Il design sostenibile non è solo quello che non inquina.

L’utilizzo di materiali biodegradabili e riciclabili è sicuramente un aspetto importante, ma bisogna soprattutto giungere alla consapevolezza che “green design” è un concetto che va al di là del prodotto.

Per garantire una sostenibilità nel design d’interni, infatti, bisogna considerare molteplici elementi, come la qualità dell’aria, l‘illuminazione, la qualità visiva, il comfort termico e acustico o gli aspetti psicologici dei futuri utenti.

Migliorare l’efficienza energetica

efficienza energetica per migliorare la sostenibilità degli interni

Un ambiente consapevole dovrebbe favorire la luce naturale, promuovere un basso consumo energetico e scegliere colori che riducano la dipendenza dalla luce artificiale.

Ecco il motivo per cui sarebbe opportuno installare grandi finestre oppure film e tende trasparenti per filtrare la luce naturale e bloccare i dannosi raggi UV. 

Inoltre, la scelta di tende adatte allo spazio, oltre ad essere un’ottima opzione di decorazione degli interni, può anche aumentare l’assorbimento di calore degli spazi e conseguentemente diminuire l’energia necessaria per l’illuminazione, il riscaldamento e il raffreddamento.

Promuovere materiali riciclati o riutilizzabili

sostenibilità nel design degli interni grazie all'utilizzo di materiali riciclati

Legno, bambù, sughero juta… sono numerose le soluzioni per progetti innovativi all’insegna della consapevolezza ambientale. 

Oltre a questo, bisognerebbe scegliere prodotti o materiali che è possibile riutilizzare più volte possibile per scopi diversi.

Alternativamente, è possibile scegliere prodotti ottenuti da rifiuti riciclati, come bottiglie di plastica. Questa valutazione a priori è necessaria per far sì che il progetto in atto sia ecosostenibile in quante più parti possibili.

Biofilia e sostenibilità

sostenibilità degli interni biofilia

Il termine biofilia si traduce dal greco con “amore per gli esseri viventi”. Diversi studi indicano che la nostra salute e il nostro equilibrio dipendono da quanto riusciamo a restare vicini agli elementi naturali.

Ecco il motivo per cui la biofilia migliora la capacità cognitiva, il benessere emotivo e attenua gli effetti dello stress.

Progettare gli spazi in ottica biofilica significa mantenere, migliorare e ripristinare l’esperienza della natura nell’ambiente creando spazi ispirati alla natura che possono diventare rigenerativi per l’uomo.

Conclusioni: sostenibilità nel design

Il concept dei progetti sostenibili deve essere elaborato con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale, prolungando il ciclo di vita e promuovendo l’economia circolare.

L’architettura è il settore con le potenzialità maggiori in tema di design sostenibile. Infatti, i progetti di eco-design puntano ad un futuro sostenibile, destinati a innescare processi virtuosi anche su larga scala.

Non solo infatti per il benessere del singolo, ma anche pensati per la creazione di sistemi infrastrutturali sicuri e a impatto zero.

tendenze 2023 arredo lavoro

Tendenze arredo 2023 per gli spazi di lavoro?

Di seguito alcune anticipazioni rispetto a quelle che saranno le tendenze d’arredo per il 2023 per gli spazi di lavoro. 

Nuovi trend arredamento ufficio 2023

Il nuovo anno porterà ambienti sempre più ariosi, multifunzionali e che siano in grado di dare un senso di pace e libertà.  Che si tratti di abitazione o ufficio, la libertà di movimento, comodità e creatività sono le  parole chiave del 2023 ed orienteranno la scelta dell’arredamento e dei suoi componenti. 

Forme sinuose e morbide

Nuovi trend arredamento ufficio 2023 con forme sinuose e delicate

I nuovi componenti d’arredo presenteranno forme sempre più morbide e sinuose. I divani sono scultorei e avvolgenti, come gusci evocativi che richiamano petali e sassi. Anche le geometrie modulari avranno un ruolo primario, dal momento che permettono di creare infinite combinazioni adattandosi ai contesti ed esigenze dei lavoratori e dei singoli spazi di lavoro.

Trionfo dei materiali innovativi

Nuovi trend arredamento ufficio 2023 materiali di arredamento

Per quanto riguarda i materiali dei complementi d’arredo, troviamo accessori in grès altri materiali innovativi come l’Mdi. Questi richiamano opzioni grafiche che ricordano il marmo o la pietra, simboleggiando eleganza e durevolezza.

Colori allegri

Nuove tendenze arredo lavoro 2023 con colori allegri

I colori 2023 danno spazio alla freschezza, dinamicità, gioia ed irradiano positività. Largo spazio quindi ai metalli scintillanti, mantenendo sempre un equilibrio per infondere un senso di sicurezza e protezione, sapientemente coordinato con colori capaci di comunicare vitalità.  

Tra i colori più in voga ci sono i blu e i verdi, che si ispirano alla natura, o sfumature color terra – dalla più chiara alla più scura per creare uno stile più ricercato e inusuale. Caldo e freddo: un gioco di toni che non stanca mai.

Marmi, metalli e vetri come tocco di classe

Nuove tendenze arredo ufficio 2023con marmo metalli e vetri

Il trio vincente di quest’anno è composto da questa tripletta: marmo, metallo e vetro. Rappresentano una combinazione elegante e durevole, declinata nei vari ambienti di lavoro. Questo permette un tripudio di profili sottili ed eleganza senza tempo. 

Arredo minimal e fresco

Nuove tendenze arredo ufficio 2023 stile minimal

Infine, come ultima tendenza per l’arredo degli spazi di lavoro prendiamo in considerazione lo Stile Scandinavo.

Esso risponde perfettamente al desiderio di funzionalità, comfort e freschezza. Lo caratterizzano mobili basici, dalle linee pulite ed asciutte, per imprimere leggerezza allo spazio. Inoltre, sono perfetti per permettere la collaborazione tra gli ambienti di lavoro. Per rifuggire l’effetto troppo austero è importante ricorrere anche alla rotondità dei cerchi e degli ovali, ad esempio con vetri o specchi che ammorbidiscono le composizioni e riempiono gli spazi.

Benessere lavoratore design uffici

Il design degli uffici applicato al benessere dei lavoratori

Una delle variabili che comporta il successo di un’azienda dipende dalla sua capacità di comprendere le esigenze e le aspettative dei clienti, ma anche e soprattutto dei propri dipendenti. Ecco il motivo per cui è importante pensare ad un design degli uffici capace di generare benessere. 

 il Design degli uffici per benessere del lavoratore

Insieme vediamo come i mobili e l’arredamento degli uffici possono permettere ai lavoratori di lavorare con maggiore produttività, efficienza ed efficacia.

Human Wellbeing Centered

Well Being Centered e il Design degli uffici per benessere del lavoratore

Le aziende dovrebbero puntare sempre di più sui propri dipendenti. Questo garantisce un ritorno d’immagine sul lungo periodo.

Dunque, coinvolgere i dipendenti nei processi decisionali, gestionali e strategici è un modo per un’azienda di risultare più competitiva sul mercato, riuscire ad attrarre e mantenere talenti e generare benessere sul posto di lavoro.

Design Thinking applicato al Benessere

Design thinking applicato agli spazi di lavoro ed uffici per benessere del lavoratore

Secondo Babich, ripensare al design orientato all’uomo, permette di creare valore per le persone con lo scopo di aumentare il contributo del fattore umano in tutto il processo aziendale. Dunque il Design Thinking, uno dei più diffusi approcci all’innovazione, si pone l’obiettivo di coinvolgere nelle sessioni di progettazione team misti di professionisti e stakeholder.

Questo permette di concentrarsi, in primis, sulle persone; trovare il giusto problema; testare nuove esperienze e cercare di innovarsi sempre attraverso un approccio olistico.

Il design degli uffici

Cosa si può fare affinché anche gli spazi generino benessere? L’interazione delle persone con i servizi, gli strumenti e gli spazi degli uffici è fondamentale per aumentare la creatività poiché coinvolge la sfera cognitiva dei dipendenti.

Cosa dicono i numeri

Sono state condotte differenti indagini per confermare il fatto che il design degli uffici ha un ruolo di forte impatto sul benessere dei lavoratori. 

Ad esempio, secondo un’indagine condotta da Healthier Offices, il 93% del personale rimarrebbe più a lungo in un’azienda con spazi di lavoro più salubri. Secondo uno studio di teammate 330$ miliardi rappresentano la mancata produzione a causa di una cattiva progettazione del posto di lavoro.

Per creare un ambiente di lavoro ottimale dobbiamo studiare i dipendenti (…) come usano gli strumenti di lavoro, come collaborano, quanto sono impegnati nell’organizzazione, quali profili social hanno, in quale fase della vita sono.

Riprogettare gli uffici per il benessere dei lavoratori

Riprogettare il Design degli uffici per benessere del lavoratore

Lo studio «Work Design per la salute – Riprogettazione del lavoro per il 21° secolo: strategie promettenti per migliorare il benessere dei lavoratori» – sviluppato dai ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health e del MIT Sloan School of Management ha individuato differenti variabili che influenzano il benessere dei lavoratori.

Tra queste individuiamo: i colori utilizzati, la natura presente, le aree comuni e al tempo stesso agili e i servizi a disposizione per i dipendenti.

I colori dell’ufficio e le piante al loro interno possono influenzare la produttività e l’umore dei dipendenti poiché hanno un forte impatto sull’armonia psichica ed emotiva.

Le aree comuni – come la sala relax – rappresentano ambienti in cui i dipendenti possono rilassarsi e distrarsi per recuperare tra un lavoro e l’altro. Questi sono anche spazi dove le persone interagiscono e si conoscono tra loro, migliorando la la forza della cultura aziendale.Ed infine i benefit offerti: ricordiamo che secondo un’indagine svolta da Leesman circa l’80% degli impiegati pensa che il tè e il caffè siano elementi importanti sul luogo di lavoro.

sale riunioni agili foto copertina

Ripensare alle sale riunioni in ottica “agile”

La pandemia da Covid-19 ha portato molte aziende e professionisti a sperimentare modalità di lavoro “smart” o “agile”. Per molti si è rivelata una grande opportunità, ma al tempo stesso sale riunioni e altri luoghi comuni hanno dovuto adattarsi a questi cambiamenti.

Il lavoro agile

Il crescente ricorso a strumenti tecnologici e il processo di digitalizzazione dell’attività lavorativa, ha determinato una crisi delle tradizionali forme di organizzazione del lavoro.

Si è dunque sempre più diffuso il cosiddetto lavoro agile, ossia una forma di lavoro che, permette al lavoratore di eseguire la propria prestazione anche in locali diversi da quelli aziendali.

Dunque, sempre più spesso team di lavoro si ritrovano a lavorare lontani e questo ha portato alla necessità di ripensare agli spazi di lavoro e alla loro organizzazione.

Infatti, con l’obiettivo di  garantire esperienze collaborative ibride realmente efficaci, gli spazi dovranno essere riprogettati e rimodulati venendo incontro alle esigenze del lavoro smart.

Tra queste vediamo la riorganizzazione di meeting room, conference room e/o sale riunioni.

Ripensare agli spazi di lavoro

Negli ultimi due anni molte aziende hanno già cominciato a rimodulare i propri spazi di lavoro. In particolare, per quanto riguarda le sale riunioni – spazi fondamentali per la crescita aziendale. 

Infatti, secondo lo studio “Interactive Monitors & the Building Blocks for Meeting Rooms“ condotto a livello globale da Wainhouse, il 78% degli intervistati ha affermato che l’utilizzo di spazi per le videoconferenze è in aumento, visto che i dipendenti trascorrono in media due ore e dieci minuti al giorno in videochiamate.

Ecco il motivo per cui le sale riunioni dovrebbero essere ripensate in ottica “agile” per venire incontro sia alle esigenze di chi lavora da remoto, sia delle risorse interne che fisicamente si trovano negli uffici.

Come allestire una sala riunioni “agile”

Dunque, per sviluppare un ambiente di lavoro più agile è fondamentale disporre le sale riunioni in modo strategico ed efficace. Lo scopo della sala riunioni è infatti garantire lo svolgimento di meeting in cui tutti i partecipanti possono interagire con successo – sia online che offline. 

Dispositivi per la connettività

La connessione è il primo elemento –  imprescindibile e fondamentale – per organizzare una sala riunione in ottica smart.

È fondamentale una buona connessione per eliminare le barriere fisiche e il limite della comunicazione.

Tecnologie audio

Al fine di rendere comprensibile un meeting sarà opportuno dotarsi di microfoni, altoparlanti ed amplificatori e magari anche di soluzioni fonoassorbenti. Queste, infatti, possono migliorare l’acustica dell’ambiente che spesso può creare riverbero ed ostacolare la corretta comunicazione.

Soluzioni video

Anche la scelta di soluzioni video performanti è fondamentale per la buona riuscita di un meeting. Bisognerebbe dotarsi di una videocamera HD con un angolo di ripresa sufficientemente ampio da inquadrare tutti i partecipanti e un display o una lavagna interattiva multimediale che permetta al team di condividere documenti e permettere a tutti di lavorare a più mani allo stesso progetto, anche da remoto.

Flessibilità degli spazi

Infine, un elemento da tenere in considerazione per il ripensamento delle sale riunioni riguarda la flessibilità. Questo, da una parte, permetterà di rispettare il “social distancing”, dall’altra garantirà la riorganizzazione autonoma degli spazi a seconda delle specifiche necessità.

design degli uffici migliorare la produttività

Come il design degli uffici migliora la produttività

Studi condotti recentemente confermano che il design degli uffici non ha effetti solo dal punto di vista estetico, ma anche in termini di aumento o riduzione della produttività.

il design degli uffici migliora la produttività

Diventa, quindi, necessario comprendere l’importanza di organizzare o riorganizzare un ambiente di lavoro stimolante e bello per migliorare l’efficienza del lavoro dei dipendenti. 

Design e attenzione al dettaglio

È stato dimostrato che l’interno di un’azienda può influenzare notevolmente il modo in cui ci si sente riguardo al proprio lavoro. Allo stesso modo, anche la connessione tra gli spazi e l’utilizzo di ambienti open-space stimola e aiuta la produttività.

Per questo motivo consigliamo di riporre profonda attenzione sulla progettazione degli spazi di lavoro. 

Bisognerebbe garantire ai lavoratori tutti gli strumenti e comfort di cui hanno bisogno per portare a termine il proprio lavoro e riporre attenzione ai dettagli legati al design e all’arredamento.

Spazio alla luce

illuminazione per aumentare la produttività

Oltre alla cura dell’arredamento, bisognerebbe pensare anche alla luce e all’illuminazione dei singoli spazi di lavoro e degli ambienti in generale. 

Natura e illuminazione, infatti, migliorano il morale dei dipendenti e accrescono la produttività. 

Quindi, bisogna dire addio ad una bassa o insufficiente, a spazi di lavoro microscopici e/o uffici incolori e deprimenti.

Le sedi lavorative dovrebbero essere progettate in modo da massimizzare l’esposizione alla luce solare, così da offrire stanze ricche di luce naturale. Tutto ciò per permettere ai singoli dipendenti di raggiungere i propri obiettivi lavorando in un ambiente piacevole che promuove la produttività. Infatti, secondo l’Università di Cornell i dipendenti che lavorano in ambienti illuminati dalla luce solare e popolati da piante hanno registrato una diminuzione dell’84% di affaticamento agli occhi, mal di testa e vista annebbiata.

Più verde

piante e design per migliorare la produttività

Anche portare la natura all’interno del design degli uffici e degli spazi di lavoro è propedeutico per migliorare fino al 15% della produttività dei lavoratori – come dimostrato da uno studio svolto nel 2014 dall’Università di Exeter.

Secondo i ricercatori gli uffici con piante al loro interno migliorano le percezioni dei dipendenti per quanto riguarda la qualità dell’aria, il livello di concentrazione e il livello di soddisfazione dell’ambiente di lavoro. 

Dunque, diventa veramente importante progettare spazi con piante che purificano l’aria, migliorano la qualità degli ambienti interni e li rendono più vivi e colorati. 

Conclusioni

Il design ispira. Abbiamo approfondito differenti aspetti che migliorano i luoghi di lavoro garantendo un aumento della produttività, del benessere e dell’efficienza dei singoli lavoratori. Questo porta – conseguentemente – ad un miglioramento generale degli output aziendali.

Un ufficio curato in ogni dettaglio, inoltre, è fondamentale per migliorare l’immagine e la reputazione dell’azienda all’esterno.

Essendo spazi vissuti tante ore al giorno, non possono essere composti solo da una serie di scrivanie con sopra computer e block notes…  Richiedono delle attenzioni particolari per permettere che ogni momento lavorativo venga vissuto e affrontato nel migliore dei modi, strizzando un occhio anche al benessere psicologico del singolo lavoratore.

arredare home office

Gli accessori imprescindibili per arredare un home office

Lo sviluppo capillare dello smart working ha comportato l’organizzazione di nuovi spazi di lavoro anche dentro casa. Questo però comporta dover scegliere i giusti accessori per arredare e rendere produttive e funzionali anche le ore trascorse in remote working nel proprio home office.

accessori home office

Come arredare il proprio home office?

Ci sono alcuni accessori imprescindibili da utilizzare per decorare il proprio angolo di lavoro dentro casa. Una scrivania, una sedia ergonomica e una corretta illuminazione sono il punto di partenza.

Infatti, un piano a cui appoggiarsi e la giusta luce sono gli strumenti di lavoro primari 

Premessa

premessa per scegliere gli accessori per un home office

È molto raro avere grandi spazi a disposizione da destinare per il proprio ufficio a casa, dunque sarà funzionale gestire strategicamente gli angoli di casa ed eventualmente utilizzare dei divisori per ricavare degli angoli appartati.

Infatti, per migliorare la produttività, sarebbe opportuno scegliere un angolo della casa tranquillo e silenzioso, senza troppe distrazioni.

Anche i colori, gli arredi, gli accessori e i complementi d’arredo devono essere scelti con criterio.

Le decorazioni

I quadri inspirational, il porta penne, le lampade da lavoro o un orologio da parete dovrebbero essere degli elementi immancabili in un home office. Inoltre, regalano la giusta dose di design. 

Anche le lavagne magnetiche o in sughero sono accessori utili per organizzare al meglio il lavoro. La personalizzazione del proprio ambiente di lavoro è utile per iniziare le giornate nel migliore dei modi, senza avere la percezione di trovarsi dentro le mura di casa.

Gli arredi essenziali

arredamento e accessori per un home office

Ci sono alcuni elementi imprescindibili per decorare il proprio angolo di ufficio dentro casa. Tra questi individuiamo una scrivania – meglio con dei cassetti per riporre oggetti e documenti -, una sedia ergonomica, scelta per mantenere una postura corretta ed evitare mal di schiena e altri dolori legati alla troppa sedentarietà; una libreria, in cui riporre i documenti e i libri che ci servono; una corretta illuminazione, per non stancare gli occhi e lavorare meglio.

Su quest’ultimo punto va evidenziato che sarebbe opportuno sfruttare la luce naturale, che dovrebbe arrivare dai lati dello schermo del PC e non da davanti o da dietro di noi, che deve essere coadiuvata da una lampada da scrivania quando fuori è buio.

Anche le mensole per posizionare documenti e scartoffie sono molto utili.

Le piante decorative

accessori e piante per home office

Come detto anche precedentemente, il verde è quel colore che rilassa e stimola la tranquillità.

Dunque, un elemento aggiuntivo che si può inserire nell’arredamento dello studio in casa sono le piante. Infatti, le piante aiutano a creare un ambiente gradevole e in cui sentirsi a proprio agio. La presenza del verde in un ambiente di lavoro ci conferisce una sensazione di relax, che aiuta la concentrazione e la creatività. 

I colori

L’arredamento dell’ufficio in casa deve essere prima di tutto rivolto a creare uno spazio rilassante e stimolante. 

Secondo la psicologia, il colore arancione stimola la memoria. Dunque, scegliere accessori o elementi d’arredo con questo colore aiuta a sviluppare la propria produttività durante le ore lavorative. I colori pastello, invece, infondono calma e tranquillità. L’azzurro e il verde sono i colori rilassanti per eccellenza.

Il bianco è funzionale per trasmettere luminosità, pulizia e ordine, lo stesso vale per i colori neutri, come il beige.

arredare ufficio piccolo

Idee per arredare un ufficio piccolo

Non sempre gli spazi a disposizione per gli ambienti lavorativi sono grandi, ecco il motivo per cui abbiamo raccolto diversi consigli per arredare in modo strategico anche un ufficio piccolo.

Less is more

Una delle regole primarie per l’organizzazione di un ufficio piccolo è ridurre i complementi d’arredo e i mobili scegliendo solo quegli elementi davvero essenziali: tavoli, sedie, librerie e cassettiere. 

Questo permetterà all’ambiente di rimanere ordinato e dare la sensazione di avere più spazio a disposizione.

Resta comunque imprescindibile scegliere sedie ergonomiche che massimizzano la produttività dei dipendenti e che rispettano i dovuti requisiti tecnici e di sicurezza.

Scrivanie ad isola

le scrivanie per arredare un ufficio piccolo

Una buona idea per ottimizzare gli spazi è quella di scegliere scrivanie ad isola. Queste, infatti, permettono di risparmiare molto spazio grazie alla possibilità di collegarle le une alle altre. Inoltre, le scrivanie ad isola permettono di creare postazioni di lavoro uniche dove ognuno ha il proprio spazio di lavoro.

Infatti, si può scegliere di isolare le scrivanie da quella a fianco attraverso l’uso di pannelli divisori che garantiscono la privacy del singolo dipendente, pur non limitando troppo la condivisione e i rapporti sociali tra colleghi.

Organizzazione verticale

Negli uffici piccoli arredare l’intero spazio non è funzionale né strategico. Al contrario, si possono sfruttare le pareti per organizzare l’ambiente in modo ottimale. Una buona soluzione potrebbe essere quella di posizionare mensole e pensili al di sopra delle scrivanie. Qui si potranno organizzare tutti i documenti o scartoffie che altrimenti occuperebbero le scrivanie o gli spazi di lavoro. 

Ottimizzazione dello spazio

arredare un ufficio piccolo ottimizzazione dello spazio

Infine, condividiamo con voi dei piccoli accorgimenti per dare l’impressione che l’ambiente di lavoro sia più grande.

Ad esempio, si possono appendere dei grandi specchi alle pareti per riflettere la luce e ingrandire la stanza oppure migliorare l’illuminazione dell’ufficio attraverso l’utilizzo di lampade da tavolo o da terra.

Arredare un ufficio piccolo: conclusioni

arredare un ufficio piccolo

Arredare un ufficio piccolo può essere davvero una sfida perché lo spazio a disposizione è poco. Sebbene per lavorare bene sia importante avere uno spazio adatto, anche in ambienti più piccoli – con un occhio esperto – si può dare  la sensazione che lo spazio sia più grande di quello che è effettivamente, organizzato e ordinato. 

design uffici immagine in evidenza

Il design d’interni degli uffici contemporanei

Flessibilità, cooperazione e interattività sono solo alcune delle caratteristiche dei nuovi spazi di lavoro.

Il design degli uffici è infatti in continua evoluzione e cerca di adattarsi costantemente ai nuovi modi di lavorare.

design uffici 2021
2

Infatti, dal momento che in questi ultimi anni il lavoro è cambiato anche il modo di arredare gli interni si è adattato di conseguenza.

Come sarà il design dei nuovi uffici?

Gli interni degli uffici contemporanei sono pensati per creare spazi di lavoro flessibili che mettono al primo posto il benessere dei dipendenti e della cooperazione tra essi.

Le soluzioni intendono creare nuovi ambienti che comunicano tra loro e che possono modellarsi a seconda delle esigenze.

Infatti, secondo un sondaggio svolto nel 2020, uno dei maggiori problemi rilevato dai dipendenti era che negli uffici mancavano spazi di interazione.

Oggi non è più così!

La progettazione dei nuovi ambienti lavorativi assegnerà sempre meno spazio alle singole postazioni a favore di spazi dedicati alla condivisione e all’apprendimento.

Questa tipologia di spazi rappresenterà un indicatore chiave del successo aziendale, in quanto garantirà il benessere dei dipendenti e comporterà un aumento della produttività e della qualità del lavoro.

L’importanza dei luoghi comuni

Per garantire una permanenza positiva all’interno degli uffici sono stati ridisegnati gli spazi di lavoro per creare aree condivise e postazioni dove trascorrere del tempo in un’ottica di team building.

Gli uffici di oggi e quelli del futuro saranno sempre più funzionali alla nascita di relazioni per tradursi, infine, in un aumento della produttività.

Sale riunioni all’avanguardia

Le riunioni in videoconferenza diventeranno sempre più prevalenti e questa condizione inciderà sullo sviluppo degli spazi dell’ufficio dedicati alle riunioni.

Quest’ultime dovranno essere pensate per fornire il miglior servizio a clienti, fornitori e partner.

Oltre Internet ad altissima velocità, il design degli interni dovrà garantire la privacy acustica durante le conferenze.

Si dovranno posizionare, inoltre, degli schermi di grandi dimensioni e webcam in modo strategico per consentire ai colleghi collegati da remoto di partecipare comodamente alle riunioni.

Sarà utile anche pensare ad un sistema intelligente di prenotazione delle sale così da garantire un uso efficiente di questi spazi.

Spazi ecosostenibili

Anche nell’universo lavorativo è cresciuta sempre più un’attenzione nei confronti dell’efficienza energetica portando alla realizzazione di progetti orientati alla sostenibilità.

Un numero sempre maggiore di aziende, infatti, si sta impegnando non solo per raggiungere lo zero netto di emissioni di carbonio, ma anche per realizzare luoghi di lavoro positivi che creano un impatto benefico sull’ambiente e sul benessere stesso dei dipendenti. 

Questi fattori stanno contribuendo al boom del design biofilo che vuole integrare materiali naturali e sostenibili per favorire l’aria pulita, il comfort acustico e l’abbondanza di luce naturale.

Inoltre, è bene considerare che l’utilizzo di piante dentro gli ambienti lavorativi garantisce maggiore produttività e un miglioramento generale del benessere e della qualità di vita.

Conclusioni

design uffici conclusioni

Dall’ufficio, le persone si aspettano e aspetteranno molto di più che un semplice luogo dove lavorare.

Questo cambiamento viene vissuto anche dal mondo del design che dovrà riflettere l’importanza degli spazi di lavoro come luoghi di interazione sociale, generazione di idee e coltivazione di una comunità.

Gli spazi di lavoro contemporanei sono diventati una vetrina sempre più indispensabile per esprimere la cultura aziendale e il senso di appartenenza delle persone che ci lavorano all’interno.

lavoro flessibile sistema ufficio

Il lavoro flessibile: le caratteristiche dei nuovi uffici

Negli ultimi anni ed in particolare nell’ultimo periodo, si è molto parlato del concetto di “lavoro flessibile”. A queste nuove dinamiche anche gli uffici si sono adattati per essere flessibili e consentire agli individui e alle aziende di lavorare comunque, dovunque e in qualsiasi momento.

lavoro flessibile
smart working

Infatti, i lavoratori e le aziende, per concorrere sul mercato contemporaneo necessitano di flessibilità per adeguarsi alle complessità del lavoro attuale.

fattori chiave alla base della crescita degli spazi flessibili di lavoro sono strettamente legati alla crescita dell’economia digitale, alla nascita di nuovi lavori e attività imprenditoriali e ai requisiti di flessibilità.

Le caratteristiche del lavoro flessibile

Per flessibilità lavorativa intendiamo quelle modalità di lavoro che consentono ai dipendenti di lavorare fuori sede o fuori orario. Questo permette ai dipendenti di gestire più liberamente il proprio tempo e alle aziende di ridurre il tempo perso negli spostamenti. 

Soprattutto dopo la pandemia, moltissime aziende hanno scelto di investire nella riorganizzazione degli spazi di lavoro istituendo uffici condivisi e flessibili. Questo ha permesso di fornire a tutti i dipendenti l’accesso agli ambienti, agli strumenti e alle risorse per svolgere con sempre maggiore produttività il proprio lavoro.

Il lavoro flessibile è uno dei trend più in crescita nel settore della gestione e logistica.

Quali sono i vantaggi?

lavoro flessibile 
smart working

La flessibilità lavorativa garantisce un costante miglioramento delle conoscenze del lavoratore e di conseguenza del livello occupazionale raggiunto. Questo perché la costante collaborazione con gli altri dipendenti permette di potenziare l’estro creativo, la produttività e la contaminazione di conoscenze.

Più motivazione

 Il lavoro flessibile ha reso i dipendenti più responsabili nel gestire le proprie mansioni. Lavorare con modalità flessibili e personalizzate richiede di monitorare il lavoro svolto in termini di risultati, non più di ore.

Grazie alla flessibilità, i lavoratori riescono a gestire autonomamente il proprio lavoro, verificare in modo diretto il proprio contributo al successo aziendale e trovare momenti in cui alimentare la propria creatività.

Più produttività

Avere lavoratori più motivati paga. Poter gestire autonomamente il proprio tempo e non dover sottostare ai tempi dettati dal traffico della città aiuta le persone a rimanere concentrate più a lungo.

Inoltre, la possibilità di collaborare a stretto contatto con altre professionalità permette di apprendere più velocemente e assumere un approccio multidisciplinare.

Più risparmio

I benefici non sono solo per i dipendenti, ma anche per le aziende stesse. Infatti, la gestione dinamica delle postazioni di lavoro permette di ridurre i costi legati alla gestione degli spazi fisici; aumentare l’efficienza e la produttività dei propri dipendenti e migliorare l’employer branding.

A beneficiare del lavoro flessibile è anche l’ambiente, con una riduzione delle emissioni di CO2 e del traffico.

Gli spazi comuni permettono alle aziende di gestire crescite e riduzioni del personale aumentando o diminuendo il numero di postazioni o di stanze affittate.

Tra i vantaggi degli uffici flessibili c’è anche quello di favorire il networking tra altre aziende, liberi professionisti o start-up.

Ripensare ai nuovi spazi di lavoro

lavoro flessibile

Gli spazi di lavoro devono essere ripensati e riprogettati. Bisogna creare ambienti vari e differenziati; pensare a nuovi spazi aperti (per facilitare gli incontri) e chiusi (per garantire la concentrazione).

Bisogna creare ambienti altamente modulari e adattabili alle circostanze. Le aziende dovrebbero pensare a spazi chiusi, a zone open-space, meetng room o aree break.

In alternativa, si può pensare di investire in spazi di co-working per permettere la piena contaminazione tra professioni e persone con background completamente differenti.

tecnologie innovative sistema ufficio

Tecnologie innovative per la salute e il benessere

Negli ultimi anni, il nostro modo di pensare e di agire sulla salute è
profondamente cambiato. Ecco il motivo per cui le tecnologie hanno assunto un ruolo preponderante per il benessere dei lavoratori.

tecnologie digitali sistema ufficio

Siamo diventati più consapevoli sulla prevenzione e promozione della salute e come tali malattie siano strettamente legate ai comportamenti e gli stili di vita che assumiamo.

Allo stesso tempo, è sempre più evidente che le malattie croniche, che ormai costituiscono oltre la metà del global burden of disease a livello mondiale, richiedono un’accortezza capace di rispondere alle esigenze quotidiane di mantenimento del benessere.

Il ruolo degli uffici

In questo contesto, un contributo importante deve venire
anche dal settore privato.

Quest’ultimo, infatti, deve fornire nuove ed efficaci soluzioni a supporto del lavoratore promuovendo la salute e il benessere all’interno degli spazi di lavoro.

A riguardo, bisogna considerare che negli ultimi anni si sono sviluppate molte tecnologie digitali.

Tra queste dobbiamo considerare la sensoristica (fondamentale per rilevare parametri biometrici e comportamentali direttamente dall’individuo, attraverso dispositivi indossabili di varia natura); le piattaforme integrate (che permettono una gestione dei dati e delle informazioni efficiente e sicura, aumentandone anche l’usabilità attraverso interfacce semplici e intuitive); l’intelligenza artificiale (abilitante di nuovi servizi sia nel campo clinico che dell’assistenza alla persona) o la realtà aumentata.

La salute è per tutti

Tecnologie innovative per la salute

Secondo il Rapporto Annuale 2017 dell’ISTAT “in Italia, il 37,3% della popolazione adulta cumula più di un comportamento non salutare, ampliando quindi il rischio di insorgenza di malattie croniche”.
Anche i dati relativi all’invecchiamento della popolazione sono particolarmente accentuati nel contesto italiano.
L’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle malattie croniche si combinano tra loro in un drammatico circolo vizioso che ha conseguenze sul benessere benessere e sulla salute della popolazione italiana.

Al contempo, è cresciuta una maggiore consapevolezza su queste tematiche portando i dipendenti e i lavoratori a richiedere l’azione di misure necessarie per non ammalarsi, vivere felicemente e portare avanti la propria vita lavorativa nel benessere.

A seguito della pandemia, molte aziende stanno adottando programmai basati sull’alternanza tra lavoro in ufficio e lavoro da casa. Questo permetterà di rendere il lavoro più comodo adattandosi ai ritmi delle persone.

Contattaci e prenota la tua consulenza